Romantiche Vacanze Romane in sella ad una vespa!

vacanze romane - teatro - roma
Google Maps
Google Foto

Vacanze Romane è uno di quei musical che ha fatto sognare intere generazioni di spettatori sia al cinema così coma a teatro, basti pensare che in giro per il mondo esistono locali, ristoranti, viaggi organizzati cosi come linee di moda e profumi che si ispirano a questa romantica commedia, per non parlare poi del curioso sondaggio avvenuto in Giappone qualche anno fa dove “Roman Holiday” fu eletto film cult per eccellenza dai giovani di quel paese. Com’è noto Vacanze Romane è un film degli anni ’50 interpretato in modo brillante da Gregory Peck Audrey Hepburn e diretto da William Wyler. La pellicola dai toni sentimentali e a tratti divertenti, narra le vicende di una giovane principessa, erede al trono di un regno non meglio specificato, in tour a Roma dopo aver visitato altre capitali europee. Una sera, esasperata dall’etichetta che è costretta ad osservare a causa del suo rango, la giovane decide di “evadere” e andare a farsi un bel giro in città tutta sola. Addormentatasi su di un muretto a causa di un sedativo che il suo medico le aveva somministrato poco tempo prima, viene trovata da un giornalista americano che la ospita nel divano di casa sua per l’intera notte. Il giorno dopo Bradley, questo il nome del giornalista, riesce tramite il suo giornale a risalire alla vera identità della ragazza e progetta di farne uno scoop di quelli sensazionali. Le cose però andranno diversamente, Bradley inizia ad accompagnare la principessa a bordo della sua vespa in giro per la città e tra i due, neanche a dirlo, nasce del tenero. Alla fine la principessa conscia dei suoi doveri fa ritorno in ambasciata e Bradley, da parte sua, rinuncia al suo scoop per non danneggiarla, entrambi sono consapevoli che per loro non c’è possibilità di avere un futuro insieme e alla fine ciò che rimane è solo un bel ricordo tinto di rosa con sullo sfondo la suggestiva e solare cornice della città eterna. In teatro il succo di Vacanze Romane non cambia di molto, al di là delle evidenti differenze che esistono tra i due mezzi espressivi, il teatro appunto e il cinema, dell’italianizzazione dei personaggi (in teatro il giornalista è spesso un romano!) e delle belle scenografie dalle tinte pastello, la storia più o meno è sempre la stessa, talvolta riveduta e corretta in chiave contemporanea. Del resto è proprio la storia il punto di forza di questa commedia, una favola con protagonista una sorta di Cenerentola al contrario che fa di Vacanze Romane un vero e proprio “classico” che si perpetua continuamente a suon di repliche e di sold out nei palcoscenici di mezzo mondo.

Dove vedere “Vacanze Romane” qui in città? di seguito trovi una panoramica dei teatri che hanno lo spettacolo in cartellone (controlla sempre date ed orari dello show sui siti ufficiali, i link li trovi nelle relative schede teatro).


Vacanze Romane (Teatro Sistina).

Ad inaugurare la stagione 2015/16 del Teatro Sistina sarà una nuova edizione di Vacanze Romane (fino al 15 novembre ’15), con Serena Autieri nei panni della principessa Anna e Paolo Conticini nel ruolo del giornalista Joe Bradley, la regia è quella di Luigi Russo. Mentre per la Autieri si tratta di un “ritorno” in quanto ha già interpretato la principessa Anna diversi anni fa al fianco di Massimo Ghini, per Conticini invece quello nelle vesti del giornalista americano è un ruolo del tutto inedito. La commedia musicale ispirata all’omonimo film interpretato da due divi intramontabili come Audrey Hepburn e Gregory Peck, è un affresco della Roma generosa ed ottimista del dopoguerra ed è anche l’ultima testimonianza del sodalizio artistico tra il regista Pietro Garinei e il compositore Armando Trovajoli. Il cast è composto di 6 attori e 20 ballerini ed è prodotto da Engage. Maggiori informazioni sul Teatro Sistina (compresi prezzi, orarisito web ufficiale e account facebook) le trovi nella scheda sottostante.

Teatro Sistina - commedia musicale italiana - via sistina
Indirizzo locale-centro storico-roma
Prezzi sopra la media di zona
continua a leggere…


Per la lista completa delle schede cultura clicca qui